Centoventi bambini in festa a “San Leo Insieme”

I bambini di San Leo si riuniscono all’oratorio del paese per una giornata di giochi e sfide. Sabato 26 maggio, alle 17.00, torna la festa “San Leo Insieme” che rappresenterà un momento di aggregazione e di confronto tra tante famiglie residenti nella frazione alle porte di Arezzo, promosso dal locale circolo Acli “Igino Ralli” in collaborazione con lo stesso oratorio, con il circolo Acsi “Il Leone” e con l’associazione ricreativa “Ai Pini”. Giunta alla quinta edizione, questa iniziativa rappresenterà la conclusione di un progetto durato tutto l’anno che ha coinvolto le cinque classi della scuola elementare di San Leo per educare i loro centoventi bambini al rispetto degli altri e alla cura reciproca. Negli ultimi mesi, infatti, gli studenti sono stati divisi in squadre e ognuna di queste ha ricevuto dei punti per i comportamenti virtuosi, per le buone azioni compiute, per la collaborazione e per la qualità delle relazioni interpersonali, stimolando così ad uno spirito di attenzione verso il prossimo.

Il finale di questo percorso virtuoso sarà una giornata di festa in cui verranno proposti giochi e tornei che assegneranno nuovi punti ad ogni singola squadra, andandosi a sommare a quelli accumulati durante l’anno e arrivando così alla definizione della classifica finale. Nell’evento saranno coinvolti anche i genitori che potranno partecipare alla gara di dolci e alle altre attività, prima della conclusione con una cena che troverà il proprio apice nella premiazione dei bambini vincitori e nella consegna alla scuola di un buono da utilizzare per l’acquisto di materiale didattico. «L’iniziativa – spiega il presidente Eduardo Costantino, – è un’occasione per coinvolgere i bambini, le famiglie e le associazioni di San Leo, tra tante attività aggregative, ludiche, sportive, ricreative e sociali. Siamo orgogliosi di questo progetto orientato alla civile convivenza fra le persone, al benessere nelle relazioni interpersonali, alla tutela reciproca e alla partecipazione sociale, tutti requisiti fondamentali per migliorare la vita della nostra comunità».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *