Il Patronato Acli in campo per il Reddito di Emergenza 2021

Il Patronato Acli di Arezzo al fianco dei cittadini per il Reddito di Emergenza 2021. Gli operatori garantiranno assistenza per presentare le domande entro la scadenza di venerdì 30 aprile e per finalizzare così l’erogazione della misura di sostegno prevista per i nuclei familiari in condizioni di disagio economico a causa dell’emergenza sanitaria. Il Reddito di Emergenza, rinnovato con il “Decreto Sostegni”, verrà erogato per tre mesi per un valore complessivo tra i 1.200 e i 2.400 euro in relazione alle caratteristiche degli stessi nuclei familiari, con il Patronato Acli che potrà essere un punto di riferimento per illustrare i requisiti e per valutare i singoli casi.

La novità è rappresenta dall’estensione della platea di destinatari che comprenderà anche i lavoratori che hanno cessato di riscuotere le indennità mensili di disoccupazione Naspi o Dis-Coll in un periodo tra il luglio 2020 e il febbraio 2021, e con un valore Isee inferiore a 30.000 euro. Il Reddito di Emergenza, inoltre, continuerà ad essere erogato alle famiglie in difficoltà con una serie di requisiti che, oltre alla residenza in Italia, comprendono anche il patrimonio mobiliare, l’entità del reddito complessivo del mese di febbraio e un valore Isee entro i 15.000 euro. In occasione di questa importante scadenza, il Patronato Acli ha messo a disposizione degli utenti una linea diretta e continua al numero 329/588.70.97, mentre il portale www.rem2021.it permetterà di prenotare le domande senza code e in sicurezza; in alternativa, è possibile recarsi direttamente agli sportelli, contattare lo 0575/21.700 o scrivere a servizionline.arezzo@patronato.acli.it «Il rinnovo del Reddito di Emergenza – spiega Pietro Donati, direttore del Patronato Acli, – richiede la presentazione delle domande entro la fine di aprile, dunque sono limitati i giorni entro cui è possibile verificare le singole posizioni e fare richiesta. Si tratta di un’importante forma di sostegno per famiglie e lavoratori in difficoltà, dunque invitiamo gli interessati ad informarsi nel più breve tempo possibile».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *