Le Acli dedicano una serata a Quota100 e Reddito di Cittadinanza

Una serata dedicata a Quota100, Reddito di Cittadinanza e dichiarazione dei redditi, per capire e approfondire le principali novità introdotte dall’ultima Legge di Stabilità. L’iniziativa, a ingresso libero e gratuito, è in programma alle 21.15 di venerdì 10 maggio presso il circolo Acli di Capolona e farà affidamento sulle competenze degli operatori di Patronato Acli e Caf Acli che illustreranno ai cittadini gli argomenti fiscali e previdenziali maggiormente all’ordine del giorno, con l’obiettivo di fare chiarezza e di spiegare gli adempimenti necessari. L’esigenza di questo incontro è testimoniata dal forte aumento di persone che negli ultimi mesi si sono recate ai vari sportelli dell’associazione per ottenere informazioni e per far analizzare le singole posizioni legate soprattutto a Quota100 e Reddito di Cittadinanza. A parlarne saranno Pietro Donati e Martina Ferrini, rispettivamente direttore e operatrice del Patronato Acli, insieme al responsabile del Caf Acli Massimo Casucci.

Un focus sarà rivolto verso la campagna fiscale attualmente in corso, con tutte le pratiche, la documentazione e i vantaggi della dichiarazione dei redditi per lavoratori e pensionati. Particolare attenzione sarà poi orientata verso le varie possibilità pensionistiche: Quota100 che permette di interrompere l’attività lavorativa con 38 anni di contributi e 62 anni di età, Opzione Donna, pensione anticipata per lavori usuranti e APe sociale. L’interesse rivolto a questi temi è testimoniato dai numeri, con i primi dati del Patronato Acli che parlano di un’attività nazionale che nel 2019 risulta quasi triplicata rispetto agli stessi mesi del 2018 e con la previsione di un’ulteriore crescita delle richieste. Per questo motivo, il Patronato Acli ha previsto la possibilità di attivare appuntamenti su misura direttamente dal sito www.patronato.acli.it, dove è anche disponibile il test online di autovalutazione #inpensioneprima per una ricognizione della propria situazione. «La pensione è un momento importante della vita – spiega Donati, – dunque è necessario far riflettere ogni lavoratore su tutte le possibili variabili legate a questo passaggio. Tante persone, ad esempio, stanno ricorrendo al pensionamento anticipato per dedicare più tempo ai propri nipoti e alla propria famiglia, mettendo sulla bilancia il fattore economico e il fattore affettivo. Il test #inpensioneprima va in questa direzione, permettendo una verifica sui requisiti e sulle opportunità per la pensione, a cui potrà seguire un appuntamento personalizzato con i nostri operatori».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *