Le Acli di Arezzo in collaborazione con i Giovani Aclisti della Provincia organizzano per il Primo Maggio lo spettacolo “IL LAVORO A TEATRO”.

Musica e cabaret per la festa dei lavoratori delle Acli di Arezzo
Lunedì 1 maggio, l’associazione ha organizzato uno spettacolo gratuito al teatro Pietro Aretino
L’Orchestra Giovanile di Arezzo e i Noidellescarpediverse saranno i protagonisti dell’evento

AREZZO – Le Acli di Arezzo celebrano a teatro la festa dei lavoratori. L’associazione ha scelto di trattare il tema del lavoro con un taglio culturale e, di conseguenza, ha organizzato per lunedì 1 maggio un doppio appuntamento ad ingresso gratuito aperto all’intera cittadinanza che sarà ospitato dal teatro Pietro Aretino in via Bicchieraia. L’iniziativa, promossa dal rinato movimento aretino di Gioventù Aclista, prenderà il via alle 21.00 con il concerto dell’Orchestra Giovanile di Arezzo e proseguirà poi con uno spettacolo dell’associazione Noidellescarpediverse dal titolo “Sos Lavoro” che si inserisce tra gli eventi del festival Sos Cabaret.
L’avvio della serata vedrà una ventina di archi dell’orchestra proporre l’inno italiano e una raccolta delle musiche di Walt Disney. Questa formazione, composta da ragazzi tra gli undici e i ventisette anni guidati dal maestro Roberto Pasquini, è l’espressione di un percorso artistico e didattico che sta coinvolgendo tanti musicisti aretini, fornendo loro un possibile futuro professionale nel campo della musica. Successivamente il lavoro diventerà un’occasione per ridere e per divertirsi con la simpatia delle doppia comica aretina dei Noidellescarpediverse (Samuele Boncompagni e Riccardo Valeriani) e di Alan&Lenny (Alan Bigiarini e Lenny Graziani), che porteranno sul palco quel cabaret che li ha visti approdare in importanti programmi televisivi nazionali come Zelig o Talent Night. Un aspirante comico che non fa ridere, un mago con la sua valletta, un giovane cantautore, un supereroe poco credibile, due campioni di enigmistica, un inventore e tanto altro: “Sos Lavoro” accompagnerà alla scoperta di personaggi animati dall’obiettivo di mostrare le loro doti professionali ad una società che non è pronta a scommettere sulla creatività e sulla valorizzazione di tante improbabili professioni. Il lavoro nel corso della serata si unirà anche alla solidarietà, dal momento che sarà possibile effettuare offerte libere che la Federazione Anziani e Pensionati delle Acli devolverà interamente in beneficenza. «Il nostro obiettivo era di affrontare i temi del lavoro in modo ironico e divertente – commenta Stefano Mannelli, presidente delle Acli. – Abbiamo scelto la musica e il cabaret come strumenti per valorizzare la festa dei lavoratori e per renderla una reale occasione per riunire l’universo delle Acli e la cittadinanza. Ringraziamo i ragazzi di Gioventù Aclista per l’impegno nell’organizzazione e per averci permesso di godere di una serata in cui uniremo sul palco due bei progetti culturali della città di Arezzo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *