Le Acli ripudiano la violenza e l’utilizzo delle armi

In merito alla foto di Matteo Salvini con il mitra in mano nel giorno di Pasqua,

le Acli provinciali di Arezzo respingono con forza tali atteggiamenti peraltro effettuati dallo stesso coordinamento per la comunicazione del Ministro degli Interni, esprimendo linguaggi ed immagini lontani dalla nostra Costituzione. L’uso demagogico e imprudente giunge in un periodo storico complicato e complesso nel quale il Paese avrebbe bisogno di ritrovare unità e solidarietà ma soprattutto esempi di sobrietà e di saggezza, dei quali il ministro dovrebbe farsi testimone.

La fede Cristiana nella quale ci riconosciamo ripudia ogni forma di violenza e non promuove linguaggi con i quali si fantasticano scioccamente chiamate alle armi ed agli elmetti. Le Acli invitano invece il ministro a rafforzare la qualità della sicurezza che passa attraverso politiche di recupero delle aree più emarginate e di forti alleanze con il mondo della scuola e della cultura, ma soprattutto a lavorare perché il paese torni a crescere dal punto di vista produttivo e della occupazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *