Nuovo Isee: Preoccupazione della Fap

Forte preoccupazione è stata espressa dal segretario nazionale della Fap Serafino Zilio sulla situazione che si è venuta a creare in seguito alla sentenza del TAR del Lazio che ha  parzialmente  accolto il ricorso presentato dai familiari dei disabili che contestavano la previsione in base alla quale anche i contributi ricevuti a fine assistenziale vengono conteggiati con i redditi da valutare ai fine dell’Isee.

Si tratta dei contributi erogati dall’Inps o da altre amministrazioni, come le pensioni di invalidità e le indennità di accompagnamento, aiuti indispensabili per le famiglie con disabile.

Secondo il Tar è discriminatorio, nei confronti dei disabili minorenni e anziani, la possibilità che il nuovo Isee dà ai disabili maggiorenni, senza coniuge e senza figli conviventi con i genitori, di indicare, per la richiesta di prestazioni sociosanitarie, un nucleo familiare ristretto, composto dalla sola persona con disabilità senza i genitori, beneficio di cui non godono i disabili minorenni nè i disabili anziani, che nel calcolo del loro reddito devono considerare anche quello di coniugi e figli non conviventi.

“Questa situazione insieme alle problematicità riscontrate per avere in tempi congrui l’attestazione del nuovo Isee rischiano di far pagare ai cittadini soprattutto anziani e disabili queste difficoltà non mettendoli nelle condizioni di ottenere le prestazioni delle quali avrebbero diritto” ha concluso il segretario della Fap, Zilio

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *