Solidarietà, Acli al XV congresso regionale: “Ridurre diseguaglianze e povertà”

Costruire un modello toscano di solidarietà per ridurre le diseguaglianze e la povertà, investendo su welfare e lavoro. E’ l’obiettivo per il futuro che si pongono le Acli toscane riunite nel XV congresso regionale Acli, sabato scorso al Fuligno di Firenze, un appuntamento che ha concluso il percorso partecipativo che ha coinvolto 27mila soci dislocati in 200 circoli della regione. Tra i tre consiglieri nazionali espresso dal congresso regionali, uno è stato anche l’aretino Leonardo Nepi, ex vicepresidente vicario provinciale e attualmente impegnato nel Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita istituito da Papa Francesco all’interno della Santa Sede.

“Al centro di tutto vi siano il lavoro e la solidarietà, due sostantivi che in Toscana abbiamo sempre saputo coniugare – ha detto il presidente regionale Acli uscente, Giacomo Martelli nella sua relazione – Ci mettiamo a disposizione del neoeletto governatore Eugenio Giani e nell’augurargli buon lavoro auspichiamo che sappia scegliere, insieme alla squadra di governo regionale, per il bene della regione. I circoli Acli sono pronti a fare la loro parte “aiutandoli nella difficile transizione da un modello che inizia a mostrare segni di cedimento verso un nuovo modello di avvicinamento sociale, che parta dall’analisi dei bisogni delle comunità per progettare le proprie attività”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *